Mutui prima casa a tasso variabile: tutte le info e i vantaggi

Se la tua intenzione è quella di acquistare la tua prima cosa e hai bisogno di liquidità utile per affrontare l’acquisto puoi richiedere uno dei mutui messi a disposizione oggi da banche e finanziarie locali, così come anche da quelle che sono presenti on-line. Richiedere un mutuo comporta sempre un impegno contrattuale che solitamente non ha una scadenza breve e occorre dunque essere ben consci della tipologia di mutuo che si va a richiedere e che ci si impegna a rimborsare, prima di firmare sull’ultimo foglio per l’accettazione del mutuo stesso. Ricordati che bisogna infatti essere consapevoli della soluzione che si sta chiedendo, ma anche dei rischi degli svantaggi che sono relativi alla richiesta di questi finanziamenti.

Quando si va alla ricerca di un mutuo presso una filiale locale oppure anche online, nella maggior parte dei casi ci troviamo in difficoltà nello scegliere una certa soluzione di credito dato che non c’è spesso molta chiarezza riguardo i tassi di interesse applicati ai mutui e anche riguardo le diverse tipologie di mutui che oggi di fatto si possono richiedere. Ricorda che è molto importante capire come funziona una certa soluzione di mutuo che dovrebbe garantirci una specie di assicurazione sulla rata e anche dei buoni tassi sul mercato. Chi fa richiesta di mutuo prima casa oggi deve scegliere se optare per una soluzione con tassi fissi o tassi variabili.

Mutui prima casa con tassi variabili: info

Nel momento in cui si richiede un mutuo prima casa, ci sono alcuni aspetti che ci spaventano, tra cui ad esempio i tassi di interesse che sono applicati agli stessi e che possono rendere di fatto più elevati gli importi previsti per il rimborso delle rate mensili. Inoltre, occorre anche considerare il fatto che se i tassi di interesse applicati ad un mutuo sono più alti allora anche la convenienza del mutuo stesso sarà minore. Sono molte le persone che oggi fanno richiesta di un mutuo prima casa con un tasso di interesse variabile che spesso prevede il versamento di prime rate che sono degli importi minori rispetto a quelli previsti per i mutui prima casa con un tasso di interesse fisso.

Si tratta di una soluzione di credito che per certi versi potrebbe essere molto vantaggiosa soprattutto perché si trova a dover affrontare delle particolari difficoltà economiche, anche se c’è da dire che il tasso di interesse variabile è caratterizzato da una certa fluttuabilità e spesso può cambiare anche da un giorno all’altro. Se da una parte quindi il tasso fisso è abbastanza caro, quello variabile invece è incerto, e non abbiamo quindi la possibilità di tutelarci appieno riguardo il rimborso del mutuo, motivo per cui occorre trovare la soluzione più conveniente per noi sa che possa essere meno dannosa per il nostro portafoglio. Un mutuo prima casa a tasso variabile è quindi un finanziamento il cui tasso di interesse è legato all’oscillazione di un certo indice finanziario di riferimento. In base all’andamento generale del mercato finanziario e soprattutto dell’indice di riferimento, l’importo della rata del mutuo può variare anche da un mese all’altro, arrivando quindi a pagare degli importi delle rate mensili anche molto diversi da un mese all’altro.

Quali sono i principali vantaggi del tasso variabile?

Il tasso variabile è un tasso che si basa principalmente sull’Euribor e che ha una scadenza di 1, 3 o 6 mesi, in base al tipo di rateizzazione prevista. Il tasso e la rata mensile prevista dal rimborso possono così subire delle variazioni lungo tutto il periodo di ammortamento del mutuo stesso. Dal momento che il tasso non viene bloccato, allora le banche possono permettersi di prestare il denaro ad un costo che risulta inferiore rispetto ai finanziamenti che prevedono un tasso fisso. È un tasso maggiormente scelto dai mutuatari che sono più propensi al rischio e che hanno un reddito medio-alto. Questo sito web dedicato ai mutui prima casa ti può essere d’aiuto per trovare la soluzione più adatta per te.